L’UOMO CHE AVEVA PICCHIATO LA TESTA

L’UOMO CHE AVEVA PICCHIATO LA TESTA

In un’estate bollente, in una Livorno che sembra L’Avana, l’incontro tra due vecchi amici dai diversi destini: Paolo Virzì e Bobo Rondelli. Nati e cresciuti nello stesso quartiere popolare, uno è il regista cinematografico che ha fatto conoscere al mondo l’umanità ironica, spavalda e irriverente di questa piccola e orgogliosa città di mare, l’altro è il geniale e sconsiderato cantautore che di questo mondo vivace e plebeo è la voce più autentica, esilarante e commovente.  Attraverso testimonianze, pedinamenti indiscreti, rievocazioni di memorie di quartiere, Virzì ripercorre la biografia rocambolesca di questo singolare artista che, col suo gruppo storico “Ottavo Padiglione”, e come straordinario performer dal vivo, da queste parti riempie le platee delle feste popolari, e nell’indagare sul divertente mistero della sua personalità, refrattaria alle cerimonie e al successo commerciale, compone il ritratto di un’intera città, e di una identità che resiste fieramente all’omologazione della modernità.

Anno: 2009

Regia: Paolo Virzì

Produzione: Motorino Amarantouomo-che-aveva-picchiato-la-testa

Montaggio: Simone Manetti

Scenografia: Cast: Bobo Rondelli

 

 

 

 

GALLERIA

foto di Simone Manetti